La tenda

Tratto dal post di ERCOLE tempo libero

“Ciao, sono Andrea, un cuoco Italiano classe ’73,  pedalo per il mondo con uno scopo ben preciso: realizzare e condividere la mia  felicità!

Sono partito sei anni fa in bici, guardaroba minimale e l’essenziale: cucina, materassino, una bottiglia come doccia…
Decine di migliaia di km in bicicletta, altrettanti spingendo, volando, seduto in treno o in affollati taxi: Africa, America, Europa. 30 paesi, migliaia di tramonti, albe…tutto partendo con 200 euro in tasca.
Da un momento all’altro mi trovai a essere quello che avevo sognato da bambino : un viaggiatore!
A dir la verità, dopo svariate migliaia di km, ora sono un senza fissa dimora, un profugo e perciò ho la necessità ed il privilegio di vivere molto nell’ospitalità : case, ville, tenute, stalle, stazioni, scuole, bordelli… in deserti, boschi, savane … credo che mai come nella mia situazione, la frase: “per amare la pioggia devi avere un tetto sopra la testa” sia pertinente.

Continua a leggere “La tenda”

Dal seme al mito, cime di rapa

Brassica rapa è il nome scientifico di questa pianta, broccoli, broccoletti, broccoli di rape, cime di rapa, rapini, friarielli i nomi della stessa che variano di regione in regione, almeno cosi sembra. Per la cultura partenopea i friarielli, che come per molte pietanze Napoletane sono diventati appartenenza, scuola e culto hanno creato il mito di un gusto diverso. Dopo molte ricerche on line sull’argomento nulla di chiaro, fonti che affermano che sia la stessa pianta raccolta in diverse fasi della maturazione, altri che: “ […] il friariello ha steli più sottili e quindi più saporoso della rapa. il broccolo di rapa è l’inflorescenza della rapa è grosso e carnoso. Alla cottura assomiglia al friariello ma gli amatori conoscono la differenza. E’ un’altra cosa……. specie con una salsiccia ben fatta!” Continua a leggere “Dal seme al mito, cime di rapa”

Sechium edule, un frutto per le future mamme: Vellutata di Sciusciu’ e Castagne

Inauguriamo la categoria ricette di questo nuovo blog con una vellutata di stagione.

L’ingrediente principale è lo Sciusciu’ un frutto della famiglia delle cucurbitacee, che conta una parentela vasta tra cui si  annoverano,  tra le più conosciute: zucche, cetrioli, meloni, angurie. Il suo nome scientifico é Sechium edule ed ha origini Sud Americane dove è conosciuto con il nome di chayote. Sciusciu’ é come viene chiamato in Calabria. Conosciuta con altri numerosi nomi: zucca centenaria, zucchina spinosa, patata spinosa, melanzana spinosa, melanzana americana; a noi è stata regalata, assieme agli altri ingredienti della ricetta da Carmela e Renato amici Calabresi che praticano la pemacultura, perciò : Vellutata di Sciusciu’ e Castagne.

Continua a leggere “Sechium edule, un frutto per le future mamme: Vellutata di Sciusciu’ e Castagne”

Cos’è la felicità ?

Quel giorno ero solo nel’isola, gli altri non so dove fossero, ed infondo non me ne importava nulla. Una cosa nuova attirava la mia attenzione. Le strade che percorrevano la scogliera, incrociandosi fra loro, formavano quel labirinto percorso da cosi tanto tempo che la lana era finita da cosi tanto tempo che la nudità non mi spaventava più, ora correvano dritte verso l’interno

Non posso donarti la felicità, quel che posso è condurti nella mia.

La felicità sta nel sapere il perché ci sfugge; la felicità non è la fine di uno stato di sofferenza: la felicità non è contraria.

La felicità è uno stato di grazia, la felicità è presa di coscienza, un percorso: un atto di volontà.
La felicità è consapevolezza, tranquillità, quiete: dominio degli impulsi.
La felicità non è uno stato di eccitazione, desiderio, piacere, gioia: la felicità è stabile. La felicità è intinta nelle emozioni, ma non è creata da esse: confondendole correresti il rischio di non riconoscerla più. Continua a leggere “Cos’è la felicità ?”